martedì 30 ottobre 2012

Villa Mylius: cosa ne pensano gli ambientalisti

Pubblichiamo la lettera di risposta al nostro amico direttore di VareseReport in merito al parcheggio nel parco di Villa Mylius.

Caro direttore, innanzitutto ci scusiamo per il ritardo con cui rispondiamo al suo appello sull'angoscioso interrogativo in merito alla posizione degli “ambientalisti”. 
Naturalmente, possiamo rispondere solo a nome di Legambiente sull'ennesima iniziativa dell'Assessorato alla Nostalgia e ai Parcheggi.
Ci poniamo il problema di come riuscire a invertire questa deriva più che ribadire l'indignazione: ma forse è più importante alimentare le tifoserie, contare le righe dedicate all'uno o all'altro e, passata la disfida, poco interessa quello che succederà.
Per questa ragione non sempre abbiamo la prontezza di rincorrere gli avvenimenti che accadono. Per esempio, in questi giorni siamo stati molto occupati con il lancio della campagna di raccolta fondi per il progetto di recupero dei Mulini di Gurone, del quale anche i suoi lettori possono saperne di più visitando il blog sosmulini.blogspot.com

Dunque, rispondiamo all’atroce dubbio, di fronte alla nuova originale idea di asfaltare un parco: cosa mai potranno pensare gli “ambientalisti”? Decine di comunicati, interventi, appelli contro l'idea che ogni posto è buono per fare una strada, un parcheggio, una bretella o un edificio non bastano a chiarire che forse il nostro giudizio è fin troppo urlato.
E' senz'altro niente affatto digeribile che un assessore al Verde pubblico pensi che un parco in centro alla città abbia come funzione accogliere le auto, o che un assessore all'urbanistica, prima di gettare la spugna, l'unica cosa che ci lascia è il piano delle rotonde e dei parcheggi.

Ma se nelle nostre abitudini come nelle nostre teste l'auto resta il feticcio della mobilità urbana, se i cittadini non si organizzano per cambiare stili di vita, quale assessore vorrà cambiare politica? Anche questa polemica sarà colta dalla cerchia degli addetti ai lavori, compresa da pochi e probabilmente usata per fini strumentali!
Più che dire, cosa devono fare gli “ambientalisti”?  Andare in bicicletta!!!!

Nessun commento: